Era consuetudine fino a  poco tempo fa, l’allestimento in ogni rione del paese, per la vigilia di Natale, della  tradizionale “hocara”; ogni “ruga” era illuminata e riscaldata nella notte del 24 Dicembre dalla su catasta di legna ardente.

Tutti, nel vicinato, si radunavano attorno ad essa in attesa della mezzanotte offrendosi le tradizionali fritture: “scalille, cullura e turdilli”, ognuno contribuiva portando sotto braccio da casa sua  ”nu trincuniallu ppè d’aguriu” I grandi si raccontavano delle passate vicende con gli occhi persi nelle braci ardenti o  lacrimanti per il fumo ed  anche le mamme, vicino a quella grande “vrascera” con i ferri e la lana, stavano a ragionare fra di loro; i ragazzini,  di  nascosto, aspettavano quella sera per  provare l’ebbrezza delle prima sigarette. Perché tutto  fosse pronto per la Vigilia e per essere fra i migliori dei rioni che facevano la  “hocara” più grande non mancava la competizione.

Si partiva in  “bande” fin dal mese di settembre e si faceva a gara per accaparrarsi i “trincuni” che venivano  “abbilettati” nel corso delle ricognizioni che ognuno faceva per conto della propria squadra. Una volta localizzati, anche in lontane contrade del paese che all’epoca mancavano di strade e senza usufruire dei mezzi attuali per il trasporto, venivano tirati a forza di braccia o, dove i luoghi lo permettevano, portati sopra alle “carrozze” fino a destinazione. Qui chi poteva li depositava nel magazzino; altri li sorvegliavano per evitare ogni possibile trafugamento da parte di bande rivali. Non mancavano le sortite  ai danni degli avversari rioni e le conseguenti “ guerre” che ne sortivano per vendicarsi e riprendersi il maltolto né, tanto meno, mancavano i cosiddetti “refrunti” presso le famiglie, da parte di chi veniva danneggiato dalla sottrazione di tronchi di  notevoli dimensioni e, quindi, le giuste rappresaglie  da parte dei genitori…….. 

Il tempo  passa e purtroppo ci cambia; le cose semplici con cui ci si divertiva una volta,  adesso sembrano ridicole e  si fa posto ad altre mode ed altri generi di pas­satempo. 

Perciò, quella della “hocara” è una delle tante belle tradizioni che va scomparendo, salvo però in alcuni rari casi.

Sul sagrato della chiesa di San Giuseppe, ad esempio. a cura e spese degli “Amici”  ancora si ha la possibilità di riunirsi attorno  alla “hocara”.

 Durante tutto il periodo di apertura del presepe, e quindi non solo la sera della Vigilia, si da  fuoco ai “trincuni” che arderanno per l’intera nottata. Se il tempo lo permette, si tirano fuori le chitarre e le bottiglie ed insieme al fumo  si levano le voci di chi si prova, con esito più o meno felice a cantare vecchie canzoni o le strofe della nostra tradizionale “Strina”

E’ un modo per ritrovarsi assieme e per fare festa come si usava una volta.

Durante quelle poche ore che si trascorrono accanto alla “hocara”, si ha la sensazione che il tem­po si fermi o ritorni indietro, si lascia spazio ai ricordi ed ognuno racconta i propri    

Poi, tutto si dissolve come il fuoco che divampando trasforma la legna in cenere.

E ancora oggi come una  volta, con gli occhi fissi nelle braci ardenti o lacrimanti per il fu­mo, resta la consapevolezza che la vita col passare delle stagioni e con il ripetersi degli avvenimenti, aggiunge qualcosa alla nostra esistenza, ma nello stesso tempo qualcosa ci toglie.

Nicola Scanga 

Articolo apparso  sul numero 9  di  “IN CAMMINO”  Bollettino della Parrocchia  San Nicola Da Bari del  Marzo 2001

 

   La preparazione della HOCARA  del Natale 2007  

Arrivati i " Trincuni" li sistemiamo...

mettendo prima la legna secca sotto...

con qualche "Scucuglio" ...

e il 24 dicembre...

e la Hocara...

si accende..

Si accendono pure gli addobbi delle case, questi tipo americano di Fedele Piluso